Stiamo caricando

L'Arena del Sole in Cineteca - Citizen Kane

L'Arena del Sole in Cineteca - Citizen Kane

In occasione dello spettacolo Menelao (di Davide Carnevali e diretto da Teatrino Giullare) in scena all'Arena del Sole dal 16 febbraio al 3 marzo.

CITZEN KANE (USA/1941)
di Orson Welles 

In Quarto potere non si vedono radio. Eppure c'entrano, per più di un motivo. Ad esempio: come fu possibile che un giovanotto di neanche trent'anni riuscì a strappare alla RKO, per il suo primo film, un contratto all'epoca inaudito, che gli permetteva di avere carta bianca sull'intero progetto, senza lacci e condizionamenti? Perché Welles si era già costruito una solida fama di prodigio, grazie soprattutto al suo successo e alla sua maestria di autore a attore radiofonico (impossibile non ricordare qui il botto suscitato dalla sua versione radiofonica della Guerra dei mondi, che gettò nel panico una nazione convinta che gli alieni fossero davvero sbarcati). Leggiamo poi cosa dice Welles sulla radio: "La radio è molto più vicina al cinema che al teatro, e non solo perché una macchina si sostituisce al pubblico. No, il fatto è che, col microfono, puoi scegliere le posizioni. Ti puoi muovere, puoi cambiare le angolazioni". Nell'universo espressivo di Welles, che in Quarto potere raggiunge risultati ancora oggi sbalorditivi, la radio è stata scuola di regia. Aggiungiamo: uno dei molti momenti mirabili di Quarto potere è il finto cinegiornale che ripercorre le tappe dell'ascesa del cittadino Kane. Bene, una delle specializzazioni radiofoniche di Welles era il radiogiornale dove, ricorda, "mezz'ora dopo che succedeva qualcosa, lo si recitava con la musica, gli effetti sonori, gli attori". È il falso che diventa più vero del vero: tema supremamente wellesiano (e tema della nostra contemporaneità su cui dibattere ancora all'infinito), dietro cui si perde anche Quarto potere, in uno dei suoi rivoli innumerevoli e abbacinanti.

 

Presentando il biglietto d’ingresso al film, sconto del 30% sull’acquisto di un biglietto per lo spettacolo.

In collaborazione con