Stiamo caricando

Anna Cappelli

Teatro delle Moline

A proposito di questo spettacolo

A poco più di trent’anni dalla tragica e prematura scomparsa del noto drammaturgo campano Annibale Ruccello, Anna Cappelli continua ad essere un personaggio estremamente attuale e con il quale da subito è facile entrare in empatia. A parlarci non è un’eroina e la sua storia è una storia come tante ed è proprio in questa semplicità che risiede la chiave del successo della pièce teatrale. È una donna che prova, attraverso rinunce e compromessi, ad essere felice. Dopo aver lasciato la famiglia per lavorare in una città che invece conserva tutte le dinamiche di un piccolo paese fatto di superstizioni e pregiudizi, si lega sempre di più al ragionier Tonino Scarpa del quale finisce per innamorarsi “follemente” e che per lei rappresenta tutto: sicurezza, protezione e stabilità. Ed è a tutto questo che la nostra protagonista non vuole rinunciare e lo fa lottando contro tutti e tutto finendo per scendere a patti anche con se stessa. La fragilità emotiva, l’incapacità di gestire il confronto con gli altri, i cambiamenti e una realtà che si dimostra essere totalmente diverse dalle aspettative, spingono Anna a compiere nell’ultimo quadro visivo, il suo necessario quanto disperato “atto d’amore”.
Ho scelto di affrontare questa storia provando a guardarla con gli occhi della protagonista, evitando qualsiasi forma di giudizio nonostante Anna arrivi a compiere un gesto che non riusciremmo mai a giustificare come esseri umani.

Durata: 45 minuti

Dati artistici

di Annibale Ruccello
con Annamaria Troisi
suono Giacomo Troianello
oggetti Andrea Mangione
abito Fabiana Tomasi
regia Annamaria Troisi
tecnico Lorenzo Aprà
produzione ACTI Teatri Indipendenti
in collaborazione con Indigena
In residenza al "Cantiere Moline" dal 15 al 17 gennaio 2019

Se ti piace Anna Cappelli ti suggeriamo anche:

When the Rain Stops Falling

Quando la pioggia finirà
dal 06/02/2019
al 10/02/2019
Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Un viaggio 'genealogico' nella memoria: il tempo come sapere e dimenticanza, sapore e leitmotiv involontario
dal 21/03/2019
al 24/03/2019
Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
L'esordio narrativo di Pasolini portato in scena da Massimo Popolizio, con Lino Guanciale
dal 21/02/2019
al 24/02/2019
Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Il classico di Molière nella lettura di Valerio Binasco

Pro e Contra

Al di qua del bene e del male
dal 22/03/2019
al 24/03/2019
Teatro delle Moline
Un dialogo filosofico tra due opposti nel vasto territorio delle dualità, tra bene e male
dal 08/03/2019
al 10/03/2019
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Nell'ambito di VIE Festival. F. non può entrare in scena con noi, ma è il protagonista dello spettacolo. Anche se assente