Stiamo caricando

Cosa beveva Janis Joplin?

Teatro delle Moline

A proposito di questo spettacolo

C’è come una linea ereditaria di sorellanza, carisma e autodistruzione che unisce le grandi blueswomen dal secolo scorso a oggi.
Primedonne magnetiche e violente, da Bessie Smith a Janis Joplin, passando per Billie Holiday e Etta James, le regine della voce hanno conquistato il loro pubblico con il mistero delle loro ugole capaci di incantesimi che possono salvare o maledire. Moderne baccanti, alcolizzate, sensuali, brutali, hanno cantato attraverso il linguaggio schietto e poetico nato fra gli schiavi dei campi di cotone, gli aspetti più tragici dell’esistenza senza mai cadere nel sentimentalismo.
Cosa beveva Janis Joplin?
È una creatura ibrida tra musica e teatro, un tributo a tutte le blueswomen che non avrebbero mai tollerato di avere una rivale sul palco che le facesse ombra, ma che al tempo stesso hanno dato la vita perché la musica continuasse a vincere e suonare sulle miserie degli uomini.

Durata: 60 minuti circa
Consigliato dai 14 anni

Dati artistici

testo di Magdalena Barile
con Roberta Lidia De Stefano e Flavia Ripa
costumi Barbara Bessi
residenza artistica “Il lavoratorio”, Firenze
produzione Lebrugole&co.

foto di “Jo Fenz” Giuseppina Marino

Cantiere Moline

Se ti piace Cosa beveva Janis Joplin? ti suggeriamo anche:

dal 18/01/2019
al 19/01/2019
Teatro delle Moline
Anna Cappelli non è un'eroina, è una donna che prova, attraverso rinunce e compromessi, ad essere felice
dal 12/02/2019
al 13/02/2019
Teatro delle Moline
Cosa si fa nei tempi difficili? Cosa nei tempi di confusione? Si aspetta che i tempi siano maturi
dal 09/05/2019
al 12/05/2019
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Un atto unico sul teatro e su Roma. Un mondo visto con gli occhi di una performer indipendente
dal 10/11/2018
al 11/11/2018
Teatro delle Moline
Dovrò rifarmi una vita, finchè c’è vita io vivo. Ho il passaporto, i libri, i foulards: ho tutto
dal 08/03/2019
al 10/03/2019
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Nell'ambito di VIE Festival. F. non può entrare in scena con noi, ma è il protagonista dello spettacolo. Anche se assente