Stiamo caricando

Li buffoni

Arena del Sole
Sala Thierry Salmon

A proposito di questo spettacolo

Nanni Garella prosegue il suo lavoro con gli attori di Arte e Salute e lo fa con una scelta coraggiosa e peculiare come quella di confrontarsi con la Commedia dell’Arte. Li buffoni è una commedia stralunata, strampalata, scritta nel ‘600 da Margherita Costa – cantante, attrice, scrittrice e cortigiana romana. È un canovaccio di Commedia dell’Arte, recitato certamente all’improvviso dapprima, poi trascritto dall’autrice in una molteplicità di lingue – o meglio in vari accenti stranieri dati alla lingua italiana: una trama scarna, arricchita dai virtuosismi degli attori, che creano un panorama di personaggi “buffi, storti, nani, gobbi, scimuniti”, come li definisce la stessa Costa.
Arte e Salute prenderà spunto da questo canovaccio dimenticato dalle scene per quattro secoli e ne trarrà una commedia “strana”, almeno quanto la nostra vita dei nostri giorni. «Stiamo lavorando alla riscrittura della commedia, ambientandola nel nostro presente e prendendo spunto dall’idea di Margherita Costa – bizzarra, ma originalissima – di usare varie lingue (spagnolo, tedesco, turco…), in qualche modo “italianate”. Questo ci ha aperto la strada per far parlare i nostri personaggi, quasi tutti immigrati, in una nuova coinè linguistica, non più lingua italiana, ma appunto “italianata”…
I nuovi sviluppi, anche nella trama, sono stati imprevedibili; e ci hanno costretto ad una rielaborazione profonda del testo. Non sappiamo a tutt’oggi che cosa ne sortirà; una cosa è certa: questa commedia bislacca, che affonda le sue radici nella tradizionale buffoneria della Commedia dell’Arte, a distanza di quattro secoli è ancora capace di parlarci della natura profonda del nostro paese. Cambieranno le forme, cambierà il contesto sociale e con esso le storie dei personaggi, ma rimarrà intatto lo spirito della commedia italiana: ridere, ridere, ridere e poi rispecchiarsi nei personaggi fino a riconoscerne la virulenta attualità».

Per entrare nel mondo di Li buffoni scaricate il nostro QUADERNO DI SALA on-line… con curiosità, approfondimenti, note di regia e immagini! 

Dati artistici

dal canovaccio di Margherita Costa
regia Nanni Garella
con gli attori di Arte e Salute
Nanni Garella, Valentina Mandruzzato, Ksenija Martinovic, Lucio Polazzi, Giovanni Cavalli della Rovere, Luca Formica, Pamela Giannasi, Iole Mazzetti, Fabio Molinari, Filippo Montorsi, Mirco Nanni, Massimiliano Paternò, Moreno Rimondi, Roberto Risi
luci Gigi Saccomandi
costumi Elena Dal Pozzo
regista assistente Gabriele Tesauri
assistente alla regia Nicola Berti
arrangiamenti musicali Saverio Vita

direttore di scena Davide Capponcelli
capo elettricista Luca Diani
fonico Giampiero Berti
scena realizzata presso i laboratori ERT da Gioacchino Gramolini, Marco Palermo, Ludovica Sitti, Elena Giampaoli, Riccardo Betti, Lucia Bramanti
produzione EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE, ASSOCIAZIONE ARTE E SALUTE ONLUS 
in collaborazione con Regione Emilia Romagna Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna

foto di Luca Del Pia

una produzione di Li buffoni • Produzione Emilia Romagna Teatro

Video

Se ti piace Li buffoni ti suggeriamo anche:

dal 21/03/2019
al 24/03/2019
Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
L'esordio narrativo di Pasolini portato in scena da Massimo Popolizio, con Lino Guanciale e 18 giovani interpreti
dal 16/02/2019
al 28/02/2019
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Rielaborazione del mito di Menelao in chiave attuale, ma anche lucida riflessione sulla tragedia contemporanea
dal 09/05/2019
al 12/05/2019
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Un atto unico sul teatro e su Roma. Un mondo visto con gli occhi di una performer indipendente
dal 15/03/2019
al 17/03/2019
Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Le storie di tanti personaggi ai margini del tessuto sociale, raccontate con irruente sensibilità da Ascanio Celestini

Si nota all’imbrunire

Solitudine da paese spopolato
dal 17/04/2019
al 19/04/2019
Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Sembra che la "solitudine sociale" uccida più dell'obesità: un testo originale su un tema importante che riguarda tutti