fbpx
Stiamo caricando

Macbetto o la chimica della materia

Trasmutazioni da Giovanni Testori

Teatro delle Moline

A proposito di questo spettacolo

L’intenzione di lavorare sul Macbetto di Giovanni Testori nasce dalla volontà di proseguire una particolare ricerca rivolta agli aspetti musicali della lingua teatrale. Il percorso, cominciato con E’ bal, poemetto in versi in dialetto romagnolo del poeta Nevio Spadoni, si inscrive nella storia del Teatro delle Albe segnata dalla visione artistica di Ermanna Montanari e Marco Martinelli, che dello stesso autore hanno messo in scena Lus e L’isola di Alcina.

A partire dal testo originale si è operata una riduzione, ricavandone solo tre figure, espungendo dunque il Coro e omettendo l’ambientazione della chiesa sconsacrata. Sarà il Teatro in sé a diventare una specie di chiesa s-consacrata, mentre alcune parti del Coro verranno ridistribuite ai tre personaggi principali: Macbet, Ledi Macbet e la Strega. Le tre figure sembrano dettare un continuo e ciclico movimento di generazione vicendevole, come se fossero, ciascuna, una e trina. Tramite un parto defecatorio, Macbet genera la Strega, legata indissolubilmente alla Ledi (sanno le stesse cose: hanno la stessa voce o sono proprio la stessa persona?). Nel finale Macbet vorrebbe, se non proprio scomparire, quanto meno rientrare nell’utero della donna, come se fosse quello della sua stessa madre, mentre la Strega, sempre nel finale, viene reincorporata non più dentro Macbet, che l’aveva generata, ma nel ventre della Ledi cui spetterà l’atto conclusivo. Il maschile e il femminile sono in continua discussione, scambio, mutazione.
I tre attori-performer, provenienti da teatri e percorsi diversi, dovranno cercare la difficile intonazione di tre strumenti differenti, dell’unirsi restando disuniti, dell’amalgamarsi restando se stessi, per inquinarsi a vicenda preservando e facendo anzi esplodere la precisa identità di ciascuno. Intendo insieme cercare quell’accordo alchemico di diverse e peculiari lingue sceniche appreso in venti anni di bottega al Teatro delle Albe.

Roberto Magnani, giugno 2018

Dati artistici

ideazione, spazio, costumi e regia Roberto Magnani
in scena Roberto Magnani (Macbet), Consuelo Battiston (Ledi Macbet), Eleonora Sedioli (la strega)
musica Simone Marzocchi
coreografia Eleonora Sedioli

tecnica Luca Pagliano
clavicembalo Chiara Cattani
realizzazione scene Masque Teatro; squadra tecnica Teatro delle Albe-Ravenna Teatro: Danilo Maniscalco, Fabio Ceroni, Luca Pagliano; Antonio Barbadoro
cura video Alessandro Renda
organizzazione Francesca Venturi, Ilenia Carrone
coproduzione Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Masque Teatro, menoventi/e-production
ringraziamenti Associazione Giovanni Testori, A.N.G.E.L.O., Sabrina Fiore, Matteo Gatta, Maria Rossini

fotografie di Enrico Fedrigoli

Se ti piace Macbetto o la chimica della materia ti suggeriamo anche:

Non domandarmi di me, Marta mia

Intorno al carteggio Luigi Pirandello – Marta Abba
dal 24/10/2019
al 27/10/2019
Teatro delle Moline
Nella notte della scomparsa di Pirandello, l’attrice e musa Marta Abba rievoca il rapporto elettivo con il suo Maestro
dal 18/03/2020
al 20/03/2020
Teatro delle Moline
A e B sono amici, ma il loro legame vacilla quando A partecipa a una marcia contro l’intervento militare e B invece è a favore di quella guerra

Macbetto o la chimica della materia

Trasmutazioni da Giovanni Testori
dal 07/02/2020
al 09/02/2020
Teatro delle Moline
Il Macbetto di Testori nell’interpretazione del Teatro delle Albe: una lingua poetica che si fa canto
10/12/2019
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
dal 31/01/2020
al 02/02/2020
Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Uno spettacolo “giovane” per parlare del tempo che passa, affidato ai corpi e all’espressività dei volti di cartapesta
Acquista
A partire da € 8.50