fbpx
Stiamo caricando

2 agosto 1980, le parole mancanti

Altri spazi

A proposito di questo spettacolo

il 3 agosto alle 18:30 in prima visione sulla pagina Facebook Dire+Fare=Fondare e su ERTonAIR

Sulla strage di Bologna è stato detto tanto, forse troppo. Ma è stato detto tutto o qualcosa ancora manca? Dopo quarant’anni noi, nuove generazioni che non abbiamo memoria visiva di quanto accaduto, con quali occhi possiamo guardare a quella mattina del 2 agosto e con quali parole possiamo “ricordarla”? Una ferita ancora aperta della nostra storia, una ferita talmente profonda da farci sentire impotenti. Eppure è necessario rievocare quei momenti dolorosi, perseverare nella ricerca della verità e continuare a darne testimonianza. Siamo consapevoli che è anche nostra responsabilità tenere viva la Memoria. In una prefazione Carlo Lucarelli ha scritto che il compito del narratore di fronte a eventi di tale gravità può ridursi solo a due cose: “far rivivere le emozioni e mettere in fila i fatti”. Questo il nostro tentativo, il nostro contributo.

 

Dire+Fare=Fondare è parte di Così sarà! La città che vogliamo, un progetto promosso dal Comune di Bologna, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, finanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020

www.cosisara.it / Instagram / Facebook

Dati artistici

con Marta Costantini, Francesca Cudemo, Noemi Pittalà
regia Riccardo Frati
direttore della fotografia Vincenzo Bonaffini

si ringrazia ARCHIVIO AUDIOVISIVO DEL MOVIMENTO OPERAIO E DEMOCRATICO

una produzione di 2 agosto 1980, le parole mancanti • Produzione Emilia Romagna Teatro
Nell'ambito di

Se ti piace 2 agosto 1980, le parole mancanti ti suggeriamo anche:

Quale ruolo delle nuove generazioni nell’Italia post Coronavirus?

Incontro con Alessandro Rosina in dialogo con Francesca Lombardi
03/08/2020
Chiostro Arena del Sole
28/08/2020
Altri spazi

Per una città da SCOPRIRE

Restituzione del laboratorio di creazione ludica
24/07/2020
Altri spazi