fbpx
Stiamo caricando

Dialoghi di profughi

Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis

A proposito di questo spettacolo

Dialoghi di profughi è andato in onda per la prima volta lo scorso 15 giugno su Rai Radio3, in diretta dalla Sala B di via Asiago a Roma, in occasione della riapertura dei teatri dopo i mesi di lockdown. Sarà lo stesso reading ad alzare il sipario della nuova stagione del Teatro Arena del Sole di Bologna in una versione dal vivo, con protagonisti Lino Guanciale e la musicista Renata Lackó.
«L’emigrazione è la miglior scuola di dialettica. I profughi sono dialettici più perspicaci. Sono profughi in seguito a dei cambiamenti, e il loro unico oggetto di studio è il cambiamento. Essi sono in grado di dedurre i grandi eventi dai minimi accenni, […] e hanno occhi acutissimi per le contraddizioni. Viva la dialettica!».
Memore della propria esperienza dell’esilio, Bertolt Brecht così fotografava, con la consueta lucidità, il rapporto fra discontinuità esistenziale e necessità della metamorfosi, individuando nel soggetto strappato al proprio sistema di abitudini e sicurezze il propulsore ideale del cambiamento politico e culturale.
«Un vero testo della crisi» definisce i Dialoghi Lino Guanciale. «Un vero testo generato da uno stato d’emergenza. Una rappresentazione vivida della balìa cui sono soggette le illusioni di stabilità della civiltà occidentale, soprattutto quando esse servono – coscientemente o meno – a nascondere sotto il tappeto le miserie e le fragilità di un mondo abituato a disprezzare la dialettica come strumento di rigenerazione della democrazia. Un testo che molto ha da dire, crediamo, a noi orfani della fine della storia, cui la pandemia ha consegnato l’epifania di una dimensione di precarietà le cui radici – lo stiamo apprendendo con forse troppo colpevole sorpresa – sono in realtà molto più profonde di quanto potesse sembrare».
La lettura di Guanciale è accompagnata da una partitura di musiche, a cura della violinista Renata Lackó, scelte tanto dal repertorio classico della musica colta europea e da quello più squisitamente brechtiano, quanto dalle sonorità “erranti” della tradizione Yiddish, a significare acusticamente il complesso paesaggio esistenziale e culturale dell’incontro fra i due personaggi.

Durata: 1 ora

Note

Ascolta la playlist di Lino Guanciale creata per Cosa suona in teatro un progetto di Zero Bologna in collaborazione con ERT Fondazione

Dati artistici

di Bertolt Brecht
traduzione Margherita Cosentino
con Lino Guanciale
arrangiamenti e musiche dal vivo Renata Lackó
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione
si ringrazia per la collaborazione Rai Radio3

Bertolt Brecht, Dialoghi di profughi, © 2020, Suhrkamp Verlag


foto di Paolo De Chellis

una produzione di Dialoghi di profughi • Produzione Emilia Romagna Teatro
Main sponsor

Se ti piace Dialoghi di profughi ti suggeriamo anche:

dal 21/09/2021
al 23/09/2021
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Una lettera impossibile, un tributo danzato che Marco D’Agostin dedica al maestro Nigel Charnock: colui che gli ha insegnato che in scena tutto può accadere ed esplodere.
Acquista
a partire da 7,50
dal 09/09/2021
al 15/09/2021
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Una favola nera fra Milano, Palermo e New York. Un gioco divertente e crudele. Un legame che non può essere spezzato.
Acquista
a partire da 7,50
30/07/2021
Piazza San Francesco
Maledetto questo confine e tutti i confini. Maledetti i documenti che dovrebbero documentare e invece stanno al posto delle persone. Allora qual è la differenza tra le persone e le cose?
Acquista
ingresso unico a 5 euro

SOSPESO // Wet Market

La fiera della (nostra) sopravvivenza
dal 03/11/2020
al 08/11/2020
Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis

Città all’orizzonte!

Proiezioni per la Bologna che verrà
29/01/2021
Altri spazi
in diretta sulle pagine facebook Dire+Fare=Fondare e Così sarà! La città che vogliamo