fbpx
Stiamo caricando

Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate

Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon

A proposito di questo spettacolo

Davide Carnevali, drammaturgo e regista residente presso Emilia Romagna Teatro Fondazione, inventa un dispositivo che, combinando la drammaturgia più aperta di Federico García Lorca a Shakespeare e Calderon de la Barca, coinvolge il pubblico in un gioco metateatrale capace, oltre la sua superficie ludica, di interrogare lo spettatore intorno alla responsabilità individuale dentro la nostra contemporaneità storica.

[…] Al margine dei suoi successi più conosciuti, esiste una produzione tarda che si interroga sulle funzioni del teatro e la comunicazione tra scena e spettatori. In questo senso, fra i testi della Trilogia del teatro imposible, soprattutto El público e l’inconcluso Comedia sin título non hanno mai smesso di offrire spunti che trovano facilmente una risonanza con l’attualità. Ancora di più, se pensiamo che Lorca scrive in un momento in cui i fascismi stanno rapidamente prendendo piede in Europa; mettere lo spettatore nelle condizioni di cercare la verità dietro le apparenze diviene ora un’urgenza non solo artistica, ma anche e soprattutto politica.
Qui, di Lorca, ci interessa innanzitutto la messa in crisi del concetto di rappresentazione: El público mette l’accento sul problema del rapporto tra persona e personaggio e mostra l’insufficienza di quest’ultimo come dispositivo rappresentativo del primo; in Comedia sin título questa tematica si sposta sul piano del metateatro, per aprire a tutta una serie di questioni estremamente attuali, che hanno a che vedere con la ricerca di un modello di teatralità capace di stabilire un rapporto sincero, utile e interessante con la società.
Il teatro pubblico ha una responsabilità verso i suoi cittadini, quella di offrirsi a loro come uno strumento di riflessione sul mondo che ci circonda […]
La partecipazione del pubblico diviene qui l’asse intorno cui si sviluppa il progetto e i due testi di Lorca si offrono come un magnifico materiale drammaturgico di supporto […] Conservando sempre l’aspetto comico, base di un intrattenimento che sappia portare al pubblico contenuti poetici, formativi, urgentemente politici.

Davide Carnevali

Durata: 1 ora 20 minuti

Dati artistici

una creazione di Davide Carnevali
un progetto di teatro partecipato
a partire da “Il pubblico” e “Commedia senza titolo” di Federico García Lorca; “Sogno di una notte di mezza estate” e “Romeo e Giulietta” di William Shakespeare; e un po' anche da “Il gran teatro del mondo” e “La vita è sogno” di Pedro Calderón de la Barca
con Michele Dell’Utri, Simone Francia e Maria Vittoria Scarlattei

luci Vincenzo De Angelis
ideazione video Andrea Ronzoni
realizzazione video Andrea Ronzoni e Maurizio Berta
suono Giacomo Agnifili
scene e costumi Tullia Ruggeri
assistente alla regia Valeria Fornoni
direttore tecnico Robert John Resteghini
capo elettricista Vincenzo De Angelis
regia e documentazione video Francesca Cappi
fonico Giacomo Agnifili
grafica Marco Smacchia
si ringrazia per la collaborazione Mariacostanza Fallacara
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

fotografie di Francesca Cappi

una produzione di Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate • Produzione Emilia Romagna Teatro

Appuntamenti per approfondire

19/11/2019
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon

Notizie utili

Sistema Solare - Rivoluzioni all’Arena del Sole cinque appuntamenti di musica, bar e dj set e laboratori con gli artisti, performance organizzati con...

Se ti piace Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate ti suggeriamo anche:

dal 08/02/2020
al 09/02/2020
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Una sorta di road movie con due “attempate” Thelma e Louise per affrontare il tema della morte in modo ironico e spensierato

Sembra ma non soffro

2° episodio della Trilogia dell’inesistente_esercizi di condizione umana
dal 17/12/2019
al 20/12/2019
Teatro delle Moline
Esiste un dolore “reale”? Come facciamo a testimoniarlo? C’è solo un canale che, forse, è in grado di farlo: il comico

Nel tempo degli dei

Il calzolaio di Ulisse
dal 06/02/2020
al 09/02/2020
Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Marco Paolini racconta Ulisse: non l’eroe e il guerriero ma l’uomo, alle prese con demoni vecchi e nuovi
dal 06/03/2020
al 08/03/2020
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
La storia di Giovanni, incarnazione dell’ingenuità e della passione, dell’innocenza che supera le barriere dell’ignoranza
dal 31/01/2020
al 02/02/2020
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Uno spettacolo “giovane” per parlare del tempo che passa, affidato ai corpi e all’espressività dei volti di cartapesta