fbpx
Stiamo caricando

Questo è il tempo in cui attendo la grazia

Altri spazi

A proposito di questo spettacolo

Una biografia onirica e poetica di Pier Paolo Pasolini attraverso le sue sceneggiature.

I punti principali dello spettacolo diretto dal regista ferrarese Fabio Condemi ruotano intorno all’importanza dello sguardo e alla descrizione di quello che viene osservato, per rivelare anche ciò che non si vede: l’invisibile, per allargare l’esperienza estetica dello spettatore.

Un filo rosso scorre tra i testi pasoliniani scelti e riafferma l’importanza di vedere e riattivare lo sguardo, in un periodo in cui la capacità di guardare le cose si è atrofizzata.

Georges Didi-Huberman nel suo saggio Come le lucciole scrive: «Tutta l’opera letteraria, cinematografica e persino politica di Pasolini sembra attraversata da momenti di eccezione in cui gli esseri umani diventano lucciole – esseri luminescenti, danzanti, erratici, inafferrabili e, come tali resistenti – sotto il nostro sguardo meravigliato».

Ed è proprio ricostruendo e ripercorrendo i temi cari al noto autore bolognese che si potrà accedere alla sua officina creativa e poetica.


Note:
“…Si comincia col bambino che vede il mondo, la luce, la natura, sua mamma per la prima volta (Edipo) e si prosegue con lo sguardo antico e religioso sul mondo del Centauro (Medea) e si arriva fino allo sguardo su un’Italia imbruttita
dal nuovo fascismo consumista (la forma della città) passando per la “disperata vitalità” presente nel fiore delle Mille e una notte e per la scena della Ricotta nel quale il regista viene intervistato e recita “io sono una forza del passato”…”

Note

presso il DAMSLab

Dati artistici

da Pier Paolo Pasolini
drammaturgia e montaggio dei testi Fabio Condemi, Gabriele Portoghese
regia Fabio Condemi
con Gabriele Portoghese
drammaturgia dell’immagine Fabio Cherstich
filmati Igor Renzetti, Fabio Condemi
produzione La Fabbrica dell’Attore-Teatro Vascello, Teatro Comunale Giuseppe Verdi – Pordenone, Teatro di Roma -Teatro Nazionale
in collaborazione con DAMSLab | La Soffitta, Università di Bologna

Nell’ambito del progetto Pier Paolo Pasolini 1922/2022 in occasione del centenario della nascita  scrittore, poeta, autore e regista.

foto di Claudia Pajewski

Se ti piace Questo è il tempo in cui attendo la grazia ti suggeriamo anche:

dal 15/02/2022
al 16/02/2022
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Tiresia è il veggente che conosce ciò che si dovrebbe fare. I suoi occhi possono leggere il futuro, vive in mezzo alle piccole cose. In scena, un corpo solo, per un rito in cui i versi si fanno carne ed ossa.
Acquista
a partire da 8,50
dal 04/01/2022
al 09/01/2022
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Memorie di Mani è un divertissement, scandito in cinque momenti. Tutto prende avvio dalla fiaba dei Grimm. Lo spettacolo conclude la trilogia di Paolo Billi, realizzata dal Teatro del Pratello con protagonisti i minori seguiti dai Servizi della Giustizia Minorile.
Acquista
a partire da 8,50
dal 02/11/2021
al 07/11/2021
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Acquista
a partire da 8,50
dal 23/03/2022
al 24/03/2022
Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Gli attori interpretano diversi ruoli, abitando la dimensione onirica e il mondo reale. Attraverso le categorie visionarie del sogno, lo spettacolo affronta i nodi dell’inconscio singolo e collettivo.
Acquista
a partire da 8,50
dal 12/02/2022
al 13/02/2022
Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Con leggerezza, Silvio Orlando ci guida dentro il romanzo di Romain Gary, dove il piccolo Momò impara la convivenza tra culture e religioni diverse. Una storia ancora attuale, che il teatro può rendere viva.
Acquista
a partire da 8,50