Stiamo caricando

Una riga nera al piano di sopra

monologo per alluvioni al contrario

Teatro delle Moline

A proposito di questo spettacolo

Autunno 1951: piove. La piena del Po rompe gli argini e il Polesine diventa un enorme lago di 70 chilometri quadrati. Si fugge senza poter scegliere cosa portare, si fugge per poter tornare, si torna per ricominciare.

Autunno 2021: piove. Una donna è alle prese con l’ennesimo trasloco, scandaglia le stanze, e decide di portare via tutto. Tutto quello che ha.

Il monologo intreccia le due storie, la tragedia naturale e la tragedia personale: perdita, smarrimento, fuga delle proprie case da un lato – separazioni, traslochi, mutui dall’altro.

Un monologo sullo sradicamento volontario e involontario, sui grandi e piccoli eventi che cambiano le nostre vite che si apre alla domanda:
Sarebbe mai possibile per noi perdere veramente tutto?

Una riflessione sulla perdita, sul possesso, su quello che resta. 


Note: 
Fare i conti con il caos, con quello che non possiamo calcolare, con la paura di perdere tutto – è questo il centro tematico di Una riga nera al piano di sopra, affrontato attraverso un lavoro di studio approfondito dell’alluvione del Polesine del 1951, attraverso le parole di chi ha vissuto il disastro allora e l’ironia di una donna di oggi, che guarda al proprio disastro precario, personale e generazionale, cercando nuove possibili strade.

Il progetto sonoro di Alessio Foglia crea l’ambiente in cui Matilde Vigna colloca le sue parole. Nella scena spogliata il suono ci accompagna, ci traghetta tra passato e presente, diventa presenza, luogo, evento. Il rumore della piena, l’eco dell’alluvione, il silenzio che resta.

Durata: 60 minuti

Acquista a partire da 7,50

Dati artistici

di e con Matilde Vigna
dramaturg Greta Cappelletti
progetto sonoro Alessio Foglia
disegno luci Alice Colla
costumi Lucia Menegazzo
aiuto regia Anna Zanetti

voce registrata Marco Sgarbi
direttore tecnico Massimo Gianaroli
fonico Manuela Alabastro
elettricista Sergio Taddei
oggetto di scena realizzato nel Laboratorio di ERT / Teatro Nazionale
scenografa decoratrice Ludovica Sitti
produzione ERT / Teatro Nazionale

Si ringraziano Bruno De Franceschi, Massimo Vigna, Anna Paola Fioravanti, Adriana Malaspina, Luciano Trambaiolli e tutti coloro che ci hanno raccontato la loro storia

foto di scena e ritratti Mario Zanaria

 

Acquista a partire da 7,50
una produzione di Una riga nera al piano di sopra • Produzione Emilia Romagna Teatro

Video

Se ti piace Una riga nera al piano di sopra ti suggeriamo anche:

Black Dick

Bugie bianche capitolo primo
dal 29/03/2022
al 03/04/2022
Teatro delle Moline
Mostrando la linea che lega l’immagine delle Black Panthers a quella dei rapper, decostruendo lo stereotipo di maschio nero per come la musica, il cinema, la letteratura lo propongono, Black Dick presenta una riflessione sulla necessità di una lotta comune per l’uguaglianza.
Acquista
a partire da 7,50

Negri senza memoria

Bugie bianche capitolo secondo
dal 05/04/2022
al 10/04/2022
Teatro delle Moline
Un monologo vertiginoso, pieno di canzoni, di notizie, di storie, un lavoro che si insinua con cocciuta disinvoltura dentro un enorme materiale storiografico, interpretandolo e facendo venire alla luce sfumature inedite nel rapporto tra italo e afro-americani.
Acquista
a partire da 7,50
dal 03/05/2022
al 22/05/2022
Teatro delle Moline
Nanni Garella e gli attori di Arte e Salute tornano in scena con La classe. Dodici persone adulte nei banchi di una vecchia aula scolastica. Un mondo perduto, morto, sepolto nella memoria che, però, si trasforma in un trepidante, violento, commovente inno alla vita.
Acquista
a partire da 7,50