Stiamo caricando

L’armata Brancaleone

Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis

A proposito di questo spettacolo

L’armata Brancaleone è ora in scena. Ripercorrendo le rocambolesche avventure del nobile cavaliere Brancaleone da Norcia, l’attore e regista Roberto Latini dà vita a una innovativa visione del testo. Con lui, in questo progetto, un ricco cast tra attrici e attori che, in dialogo con la musica, ci riporteranno ai tempi di Aurocastro.

Molti grandi artisti ne hanno formato l’immaginario a noi noto, a partire dai grandi film come quello diretto da Mario Monicelli.
Questa volta, però, sul palcoscenico, l’Armata diventa patafisica.
Diviene un’eccezione, una condizione del pensiero alla quale riferirsi sull’onda di una partitura scenica in cui “Immaginare le parole oltre le parole, sospendersi tra suono e senso”.

Lasciandosi rapire da questo disordine, non si tratta dunque di mettere in scena il film: piuttosto, di trattare la sceneggiatura come fosse un classico del contemporaneo e tentare altro, attraverso quel che sembra.


Note:

“L’Armata Brancaleone non è un film. Forse, non lo è mai stato.
È materia in movimento, antimateria, capace di innovarsi, rinnovarsi di continuo, eppure saldamente nella sensazione familiare di profili conosciuti […] L’amata Armata è qualcosa che nel tempo è riuscita in un altrove; ne è uscita più volte, e ci ha chiamati lì fuori, a raggiungerla, aspettandoci.
È forse una condizione del pensiero, un meccanismo di accensioni, una mappa alla quale riferirsi tentando una scrittura scenica. Una scrittura che diventi scenica. 
Age e Scarpelli e Monicelli hanno inventato un’immaginazione.
Hanno convocato parole e le hanno rinominate, ribattezzate, nella grammatica aulico-ciociara di bambini adulti impegnatissimi nella serietà di un gioco antico e modernissimo […] Per leggere la leggerezza bisogna scrivere con gli occhi. Immaginare le parole oltre le parole, sospendersi tra suono e senso. L’armata Brancaleone sembra avere uno spettatore ideale: noi bambini, al riparo dall’età, che inquadriamo ogni inquadratura dal nostro punto di vista, del nostro punto di s-vista, per il quale abbiamo alibi di fantasia.
Quanto lì davanti si ricostruisce allora nelle sfumature del presente, dell’assente, del qui e ora, dell’altrove, del forse, come il teatro che si finge nel teatro.
Elogiandone il disordine, non può trattarsi certamente di mettere in scena il film.
Piuttosto, trattare la sceneggiatura come fosse un classico del contemporaneo e tentare altro attraverso quel che sembra.
Ad Aurocastro, ad Aurocastro, ad Aurocastro! “

Roberto Latini

Durata: 85 minuti

Acquista a partire da 8,50

Dati artistici

drammaturgia e regia Roberto Latini
con Elena Bucci, Roberto Latini, Ciro Masella, Claudia Marsicano, Savino Paparella, Francesco Pennacchia, Marco Sgrosso, Marco Vergani
musica e suoni Gianluca Misiti
luci e direzione tecnica Max Mugnai
scena Luca Baldini
costumi Chiara Lanzillotta
produzione Teatro Metastasio di Prato, ERT / Teatro Nazionale

foto di Guido Mencari

Acquista a partire da 8,50
una produzione di L’armata Brancaleone • Produzione Emilia Romagna Teatro

Video

Teaser - L'armata Brancaleone
Backstage - L'armata Brancaleone

Se ti piace L’armata Brancaleone ti suggeriamo anche:

dal 10/05/2022
al 22/05/2022
Teatro Arena del Sole
Sala Thierry Salmon
Una Kassandra iper-contemporanea: una donna “in transito”, senza identità fissa, né indirizzo, né paese. Una clandestina che vende il suo corpo e si perde nelle parole di una lingua “di sopravvivenza”.
Acquista
a partire da 8,50

Negri senza memoria

Bugie bianche capitolo secondo
dal 05/04/2022
al 10/04/2022
Teatro delle Moline
Un monologo vertiginoso, pieno di canzoni, di notizie, di storie, un lavoro che si insinua con cocciuta disinvoltura dentro un enorme materiale storiografico, interpretandolo e facendo venire alla luce sfumature inedite nel rapporto tra italo e afro-americani.
Acquista
a partire da 7,50

Una riga nera al piano di sopra

monologo per alluvioni al contrario
dal 22/03/2022
al 27/03/2022
Teatro delle Moline
Una riga nera al piano di sopra - monologo per alluvioni al contrario - è una riflessione sulla perdita, sul possesso, sugli eventi che ci cambiano la vita, sulle persone che ci vengono in soccorso, su quello che resta.
Acquista
a partire da 7,50
dal 21/04/2022
al 24/04/2022
Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Una delle opere più toccanti di Grossman ci parla del dolore per la perdita di un figlio: parole che riconosciamo autentiche e nostre, una favola sull’umanità riletta da Bucci e Sgrosso.
Acquista
a partire da 8,50
dal 22/10/2021
al 24/10/2021
Teatro Arena del Sole
Sala Leo de Berardinis
Acquista
a partire da 8,50