fbpx
Stiamo caricando

Chi siamo

direzione Claudio Longhi

progetto a cura di Piersandra Di Matteo

organizzazione generale staff ERT / Arena del Sole
con Konstancja Dunin-Wasowicz, Greta Fuzzi, Angela Sciavilla
in collaborazione con Alice Murtas (comunicazione social), Francesca Di Renzo (redazione web platform Atlas of Transitions)

ufficio stampa Debora Pietrobono, Silvia Mergiotti

direzione tecnica progetto Marco Carletti, Vincenzo Bonaffini

collaborazione amministrativa Marta Scalvini

Right to the City è organizzato grazie alla collaborazione di Mariona Roigé Feixas, Francesca Leri, Giuseppe Maisto, Paola Torella, Anita Vianello, Martina Luminoso, dei volontari del progetto Giovani Protagonisti (Comune di Bologna – Informagiovani), degli studenti in alternanza scuola/lavoro del Liceo Linguistico Laura Bassi (classe 4H) e del Liceo Artistico F. Arcangeli di Bologna.

 

 

In partnership con 

 

Con il patrocinio di 

 

Nell’ambito di 

 

Con la collaborazione di 

Media partnership 

un ringraziamento particolare a Quartiere San Donato/San Vitale, Quartiere Navile, Quartiere Santo Stefano, Coop. Soc. Camelot, Lai-momo Soc. Coop., Ass. Mondo Donna, Coop. Soc. Società Dolce, ASP Bologna, Ars Aemilia, il Cassero lgbt Center,  Arci Bologna, Arcidiocesi di Bologna, Conad
e poi a Moussa Molla Salih, Alessandro De Scisciolo (Hub Mattei), Ilaria Ravani (Hub Mattei), Roberta Pizzi e gli operatori dell’Hub Merlani, Valentina Iadarola, Federica Tarsi, i campi estivi Estate Regaz e Montagnola, Arena051, Centro Culturale Croce del Biacco, Ass. Mattei Martelli, La Saletta, Piazza dei Colori 21, Centro di accoglienza S.F.Cabrini, Isabella Cornia (Centro “M. Zaccarelli”), Sara Baranello (Villa Aldini), Marco Semenzin (Centro di via Ceri)
per le traduzioni a Yan Wen, Marta Tananyan, Belen Sotelo, Charlotte Wuillai, Natalia De Martin

L’iniziativa è parte di Atlas of Transitions, progetto europeo in cui dieci partner in sette paesi – Italia, Albania, Belgio, Polonia, Francia, Grecia e Svezia – collaborano per progettare, attraverso diverse pratiche artistiche, nuovi modi di interazione e reciprocità tra cittadini europei, residenti stranieri e nuovi arrivati (migranti, richiedenti asilo, minori non accompagnati, rifugiati).

 

Le immagini del festival sono state scattate da Matteo de Mayda nel Ghetto di Rignano Scalo, a Foggia, dove esattamente un anno fa a causa di un incendio, sono morti due migranti che vivevano nella baraccopoli. Da questa fertile pianura, che ancora conserva il nome bizantino di Capitanata, viene il 40% dei pomodori prodotti in Italia.