fbpx
Stiamo caricando

Corner

Tessitura a dieci mani

Altri spazi

A proposito di questo evento

1-10 marzo // DAMSLab

Corner. Tessitura a dieci mani coinvolge minori stranieri non accompagnati in residenza all’Hub Merlani e al Villaggio del Fanciullo di Bologna. Si chiamano Jurgen, Alket, Oleans, Demba, Emin, Xhezair, Argjend, Refet, Imad, Aziz e vengono da Gambia, Albania, Marocco, Kosovo e Algeria. Artisti della loro vita, assieme alle insegnanti Irene Maria Olavìde e Roberta Pizzi hanno fatto un percorso laboratoriale attraverso il colore, senza vincoli tecnici, per dar vita un angolo accogliente negli spazi del DAMSLab.

“Si tratta di lasciar parlare il colore, il disegno,  le immagini che ci portiamo dentro perché sanno di casa, raccontano la nostra storia, permettendoci di creare tessiture a sei, otto, dieci, dodici mani, fatte d’incroci, segni, macchie, volti, ricordi che non hanno bisogno di parlare la stessa lingua. C’è la casa di Issa seduta nel mezzo di un semplice giardino, c’è la moschea di Hamed, in cima alla collina, ci sono le mucche di Aleket, la macchina del caffè della mamma. I colori e i ricordi diventano strumenti espressivi capaci di abbattere ogni barriera culturale, qui l’arte diventa lo strumento privilegiato per comunicare, imparare, cambiare, riproporre, modellare, restituire stupore e vincere le scommesse di questo tempo”

Irene Maria Olavìde e Roberta Pizzi

Dati

a cura di Irene Maria Olavìde e Roberta Pizzi

Irene Maria Olavìde
Insegnante di Italiano nella Comunità per minori stranieri non accompagnati del C.E.I.S. (Villaggio del Fanciullo) e all’Hub Merlani. Laureata in lingue straniere e diplomata in canto e arti sceniche.

Roberta Pizzi
Volontaria presso l’Hub Merlani. Diplomata presso l’Accademia di Belle arti di Urbino e laureata in scienze religiose, da alcuni anni cura il laboratorio espressivo del centro.